giovedì 14 ottobre 2010

MESDAMES ET MONSIEURS: LA PANNA COTTA!

Come vi ho già raccotato nel post precedente, sono un pò di giorni che soffro di mal di denti - tra l'altro oggi ho scoperto dopo l'ennesima visita odontoiatrica che il dolore viene dal molare sinistro superiore, e che se continua, me lo dovranno togliere O.O solo al pensiero, sono terrorizzata.

Non mi sembra tuttavia di ricordare che sia impossibile, per chi ha mal di denti, mangiare dolci! Certo non potrò mangiare dolci della consistenza dei biscotti ossa dei morti che vi avevo proposto il 1° Novembre scorso, visto che richiedono delle doti mandibolari non indifferenti :-) allora quali dolce preparare per soddisfare la mia golosità e quella della mia famiglia, senza però dover masticare qualcosa di duro?

Apro il frigo e lì, in uno dei ripiani, c'è una confezione di panna aperta, l'avevo aperta qualche giorno fa per mamma, che ama il caffè con la panna, ed è rimasta lì abbandonata.... penso subito al uno dei miei dolci preferiti, quello che non esitavo a prendere ogni volta che andavamo a pranzo fuori la domenica con i miei: la panna cotta!


L'ho riscoperta qualche tempo fa grazie sempre alla mia maestra Chiara, proprio con una sua ricetta, e mi era di nuovo venuta voglia di farla curiosando nel blog di Fragola & Limone, dove avevo sbavato sulla foto di una meravigliosa panna cotta alla cannella con coulisse di lamponi.


Vi propongo la ricetta, con le dosi per avere 1 lt di panna cotta:

600 gr di panna fresca (di buona qualità e non zuccherata)
150 ml di latte
240 gr di zucchero
14 gr di colla di pesce  (che equivalgono a 7 fogli)
1 bustina di vanillina o 1 baccello di vaniglia (io non avevo nessuna delle due e ho usato 1/2 fialetta di aroma vaniglia)

Per prima cosa di mette ad ammollare la gelatina in acqua fredda e si lascia da parte.
In una casseruola, a fuoco basso si fa scaldare la panna, il latte, lo zucchero e la vanillina - se state usando il baccello, mettetelo nel pentolino insieme agli altri ingredienti e eliminalo a fine cottura - e tenete tutto sul fuoco finchè saranno bollenti, ma prima che inizino a bollire.
Non dovranno bollire, mi raccomando, ma solo essere molto molto caldi.
Ora prendete la gelatina ammollata e strizzatela bene. Tuffatela nel liquido caldo e mescolate fino a farla sciogliere.
Versatela in uno stampo unico o negli stampini individuali e lasciate in frigo a solidificare per 4/5 ore.

Chiara suggerisce di servire la panna cotta con salsa al cioccolato, coulisse di fragole o caramello.

Io ho scelto quest'ultimo, e ho provato la ricetta proposta dall'Arabafelice qualche settimana fa, ovvero del caramello che restava morbido, e fatemelo dire: l'ho adorato!

Le sue dosi (io ho fatto metà dose):

200g di zucchero semolato

3 cucchiai di acqua
altra acqua per la fase successiva, circa 10/12 cucchiai

Non sono mai riuscita a fare il caramello, o dovevo buttare tutto, o dovevo passare mooooolto tempo a pulire una pentola per non far scoprire a mamma la magagna!
Ancora un pò titubante ho provato la ricetta dell'Arabafelice. Questo è il risultato.. che è a dire poco eccezionale: un colore ambrato, una consistenza morbida, ma viscosa, ma che non indurisce... MERAVIGLIOSO!!!



Potete anche conservarlo a lungo in un barattolino chiuso ermeticamente conservato nella dispensa! Io l'ho fatto 3 giorni fa ed è ancora perfetto! Ve lo consiglio davvero... andate a vedere sul blog dell'Araba e provatelo senza indugi :-)

Il gusto intenso del caramello, quello delicato, dolce e vellutato della pannacotta rapiscono i sensi, animano il cucchiaino che vorace si muove dal primo all'ultimo morso!


4 commenti:

  1. Complimenti la tua panna cotta è fantastica.
    Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  2. complimenti ti è riuscita benissimo!
    nene
    http://pellegrinidiartusi.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. Daniela: grazie mille!! ^^

    Nene: grazie!!! ;-)

    RispondiElimina
  4. Che bella...e buonissimaaaaaaaaaaaa!!!
    Brava!!
    A presto
    Ciaooooooooo

    RispondiElimina

AVVISO SUL COPYRIGHT

"Zeta come.. Zenzero" è pubblicato sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License e non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07/03/2001. I testi e le foto (ove non espressamente specificato) sono proprietà intellettuale di Eleonora Pulcini e protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633,/1941 e successive modifiche, pertanto non ne è consentito l'utilizzo, totale o parziale, su forum o altro, senza l'autorizzazione della sovrascritta, autrice e curatrice del presente blog.