lunedì 14 marzo 2011

MARCATO & ZETA COME.. ZENZERO PRESENTANO: SPAGHETTI ALLA CHITARRA CON TARTUFO NERO



Vi presento la macchina Marcato Atlas 150 Wellness Colour in Oro! Il graditissimo omaggio che mi è stato fatto dall'azienda MARCATO, che opera nel settore della produzione di macchine per pasta ad uso casalingo. La sede è in Italia, a Campodarsego, in provincia di Padova, e produce utensili per le brave massaie dal 1938. Una delle cose che mi preme sottolineare è che le macchine per pasta e tutti gli accessori della linea MARCATO vengono prodotti esclusivamente in italia e sono orgogliose rappresentanti del "Made in Italy" in numerose fiere internazionali ogni anno.

Atlas 150 è al pià versatile in assoluto delle macchine per pasta manuali nonchè la più venduta, un sistema di accessori facilmente applicabili al corpo principale della macchina permette di ottenere 15 formati diversi di pasta, dalle fettuccine, ai tagliolini, ai ravioli. La macchina è formata da due rulli che permettono di tirare la sfoglia con uno spessore regolabile, da 1 a 9 con uno spessore che varia da 2.5 mm a 0.3 mm, in grado quindi di accontentare i gusti di tutti i palati!

Sono inoltre disponibili 7 colori per la versione Wellness Colour: rosso, argento, oro, blu, rosa, celeste e verde.
Ma passiamo a vedere la ricetta che ho realizzato con l'aiuto di questa meravigliosa macchina per la pasta: Spaghetti alla chitarra con tartufo nero.

Innanzitutto la ricetta:

500 gr di farina 00
5 uova - io ho una straordinaria contadina di fiducia dalla quale vado a fare incetta di uova fresche di giornata, se riuscite a reperirle, la vostra pasta avrà un gusto ancora migliore, altrimenti affidatevi a uova datate e prendete le più fresche ;-)
acqua q.b
2 cucchiai di olio evo
un pizzico di sale

Per il condimento

tartufo nero q.b
olio evo
uno spicchio d'aglio


Si predispone la farina a fontana al centro del piano di lavoro, si rompono al centro le uova intere, il sale e l'olio, e si inizia a impastare con l'aiuto di una forchetta, e raccogliendo pian piano la farina ai lati. Quando l'impasto al centro della fontana avrà preso consistenza possiamo iniziare a impastare a mano, aggiungendo acqua all'impasto se troppo duro..
Lo lavoriamo fino ad ottenere una palla liscia che metteremo a riposare per qualche minuto.


Quindi predisponiamo la nostra macchina. La si fissa al piano di lavoro in pochi istanti e si monta l'accessorio che ci occorre, nel mio caso quello per gli spaghetti alla chitarra.
Con un coltello a lama liscia si tagliano dei pezzi di pasta e si passano tra i rulli.
Io per ottenere la sfoglia faccio in questo modo, infarino il pezzo di pasta, lo passo prima a uno spessore 2, poi passo o al 4 o al 5, in modo che la sfoglia venga liscia e non ci siano imperfezioni sulla superficie.
Una volta che tutta la pasta è a uno spessore abbastanza sottile, si infarina la sfoglia di nuovo, per evitare che l'umidità della pasta appena tagliata la faccia appiccicare, e si passa nell'accessorio per ottenere la chitarra.


 

La nostra pasta è pronta!




Ora basterà predisporre un pentolino con dell'olio evo, e tuffarci dentro uno spicchio d'aglio fino a che questo sarà dorato. A questo punto si toglierà l'aglio e si tufferà, poco prima di scolare la pasta, il tartufo nero tagliato a scaglie nell'olio caldo.

La pasta fatta in casa cuoce in un paio di minuti, appena viene su si può scolare, mettere in una terrina e condire con l'olio e il tartufo...

Buon appetito!



3 commenti:

  1. Perfetti questi spaghetti.

    ciao

    RispondiElimina
  2. @ Alice4161: grazie.. tutto merito di una ricetta della mamma, e a una splendida macchina per la pasta ;-)

    RispondiElimina
  3. Grazie mi chiedevo di che spessore dovesse essere la sfoglia prima di metterla nella trafila alla chitarra marcato.

    RispondiElimina

AVVISO SUL COPYRIGHT

"Zeta come.. Zenzero" è pubblicato sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License e non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07/03/2001. I testi e le foto (ove non espressamente specificato) sono proprietà intellettuale di Eleonora Pulcini e protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633,/1941 e successive modifiche, pertanto non ne è consentito l'utilizzo, totale o parziale, su forum o altro, senza l'autorizzazione della sovrascritta, autrice e curatrice del presente blog.