venerdì 22 febbraio 2013

RED VELVET CAKE IN A JAR

Ancora red velvet cake, e ancora gluten free, per la sfida dell MT Challenge di Febbraio.
 
Ma prima di venire a noi, lasciatemi sottolineare la nuova veste del mio blog. Non è adorabile??
Ci stavo pensando da un sacco di tempo; mi ero anche rivolta a qualcuno che lo facesse per me, personalizzandolo secondo i miei gusti, ma la cifra era davvero elevata.. Pensa che ti ripensa, ho rispolverato le mie abilità cibernetiche e non, e mi sono messa di buona lena, utilizzando un template base di blogger e modificandolo a mio piacimento, aggiungendo il pezzo forte: l'header, infatti, l'ho fatto io con photoshop, e mi piace tantissimo!!

Ma ora veniamo a noi.
 
La sfida di questo mese del Menù Turistico Challenge è la Red Velvet Cake, gluten free, proposta da Stefania, del blog Cardamomo & Co..
Le sfidanti questo mese sono partite titubanti, ma una volta ingranata la marcia giusta, stanno sfornando delle vere e proprie meraviglie!
Inoltre, le amiche di Menù Turistico ci hanno regalato delle vere e proprie chicche sulle torte a strati come la Smith Island Cake, la Devil's food cake, la Coconut cake, sulle creme, e ultima, ma non meno importante la vera storia della red velvet cake.

Nella mia precedente proposta, la Red velvet ombre Swirl Cake, mi sono ispirata alla classica torta a strati, farcendo con swisse meringue buttercream alle fragole con copertura e decorazione con cheesecream buttercream.

La mia seconda proposta invece è una monoporzione, presentata in un contenitore, in inglese jar: la cake nella jar era una cosa che volevo fare da tempo, perchè mi sa molto di pic-nic, pensato, coccolato, preparato con tanta attenzione, perchè lo spazio di presentazione è poco e in quello spazio deve entrare il meglio della torta e della farcitura, il tutto in modo che l'occhio -  e la pancia - sia stuzzicato.
 
In realtà questa era la prima versione che avrei voluto fare, e ho passato gli ultimi 15 giorni a cercare i vasetti a chiusura ermetica che facessero al caso mio; una visita nel mio negozietto di fiducia, e finalmente la luce: hanno i coperchi a pois, e il cucchiaino di legno: li adoro!


Ovviamente, anche queste, sono state preparate sui tacchi: stavolta sono "scesa" un pò, e sono salita sui miei 12 cm, rossi, ça va sans dire. :)
 
Per le farciture stavolta ho provato due creme, una delle quali spesso abbinate alla red velvet, la peppermint buttercream, ovvero la crema al burro alla menta piperita: una vera bontà! L'altra farcitura è una crema di burro che ho visto in una puntata del boss delle torte (e chi se non lui?!): alla classica buttercream aggiunge del caramello salato, che lasciatemelo dire, è una vera delizia! L'abbinamento c'ha il suo perchè!!

La ricetta della base è quella di Stefania, che avevo già riportato qui. E mi raccomando, state sempre attenti ai procedimenti di preparazione, e agli ingredienti che utilizzate quando preparate il cibo per una persona celiaca: la celiachia è una malattia da non prendere sottogamba, ma con tanti piccoli accorgimenti e barbatrucchi, possiamo creare tante cose buone da portare in tavola per mettere d'accordo tutti, celiaci e non!

Red velvet cake in a jar con Peppermint buttercream
 

 
Per la peppermint buttercream
 
65 gr di burro a t.a.
40 gr di zucchero a velo
1-2 cucchiai di latte tiepido
estratto di menta piperita

Ho montato con il gancio K del Ken il burro a temperatura ambiente, finchè era chiaro e soffice. Ho inziato ad aggiungere lo zucchero a velo setacciato (passaggio fondamentale quando si usa la sac à poche), alternandolo al latte tiepido. Ho lavorato per qualche minuto, finchè lo zucchero a velo era ben incorporato. Ho finito la lavorazione montando per un paio di minuti con la frusta del Ken, per rendere ancora più spumosa la crema al burro.
Infine a mano, con una spatola di silicone, ho incorporato un cucchiaino circa di estratto di menta.
 
Ho montato quindi la torta, coppando la base con un tagliapasta tondo, di un diametro leggermente inferiore a quello del vasetto, inserendo la base, alternandola con la crema, inserita con l'aiuto della sac à poche con la bocchetta a stella.
 
 
Volendo, si può rendere ancora più golosa con l'aggiunta di gocce di cioccolato fondente.
 
Red velvet cake in a jar con Salted caramel buttercream

 
 
Per il caramello salato
 
90 gr di zucchero semolato
23 gr di acqua
1 cucchiaino di glucosio
30 ml di panna fresca da montare
1 punta di cucchiaino di sale, o ancora meglio fleur de sel
 
Si mette in una padella antiaderente lo zucchero semolato, il glucosio e l'acqua, si pone sul fuoco e si inizia a mescolare sino a che lo zucchero non si scioglie e, da quando inizia a bollire, non toccatelo più. Dovete portare il caramello a 180°, quando il colore sarà diventato ambrato, ma non scuro, altrimenti risulterà amaro.
Spegnete e aggiungete in un colpo solo la panna, mescolando velocemente con una frusta, e facendo attenzione agli schizzi. Una volta che il composto sarà ben amalgamento, unire il sale e mescolare.
 
 
Per la buttercream
 
65 gr di burro a t.a.
40 gr di zucchero a velo
1-2 cucchiai di latte tiepido
 
Anche in questo caso ho montato con il gancio K del Ken il burro a temperatura ambiente, finchè era chiaro e soffice. Ho inziato ad aggiungere lo zucchero a velo setacciato (passaggio fondamentale quando si usa la sac à poche), alternandolo al latte tiepido. Ho lavorato per qualche minuto, finchè lo zucchero a velo era ben incorporato. Ho finito la lavorazione montando per un paio di minuti con la frusta del Ken, per rendere ancora più spumosa la crema al burro.
Con una frusta, in una ciotolina, ho unito il caramello salato a una cucchiaiata di crema al burro, in modo da stemperare il caramello salato (se il caramello salato dovesse solidificarsi troppo, potete riscaldarlo nuovamente qualche istante nella sua padellina); una volta che il composto è uniforme, l'ho unito alla restante crema di burro e ho lavorato a mano con una spatola, incorporando i due composti.
 
Ho montato la torta, inserendo nel vasetto gli strati coppati della torta, alternati alla crema al burro al caramello salato, inserita con una sac à poche con una bocchetta a stella aperta.
 
Referigerate, ovviamente dopo che li avete preparati, tirandoli fuori 30-40 minuti prima di servire, in modo che le basi e le creme tornino a temperatura ambiente.
 

15 commenti:

  1. wow!! bellissime proposte, abbinamenti che mi stuzzicano e una presentazione splendida :)

    RispondiElimina
  2. Bellissima proposta... e bella la presentazione!
    Brava davvero..
    Buona giornata!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.. piacciono tanto anche a me!! :) Buona giornata!

      Elimina
  3. Accidenti questa red in versioni "invasata" e' proprio forte! Sai che c'e' ...no vorrei essere nei panni dei giudici!

    RispondiElimina
  4. Bellissima la presentazione nei vasetti invece che delle banalissime coppette!!!
    Me l'appunto per la prossima volta che avrò ospiti. Una porca figura invece del solito chiudipasto.
    Brava Ele!
    Nora

    RispondiElimina
  5. diciamo che è l'idea in più per reinventare un qualsivoglia dolce a cucchiaio o come in questo caso torta a strati.. io me ne sono innamorata! Grazie come sempre omonima :*

    RispondiElimina
  6. meno male che lo hai detto subito, che il blog aveva una veste nuova... perchè io ero già in confusione,alle otto del mattino (dove sono finita? avrò sbagliato link? ed altre domande in puro stile Lost). E, già che ci siamo, complimenti per il nuovo look, che è molto, molto, mmolto carino.
    Esattamente come le tue red velvet nel barattolo, che sono davvero deliziose: fra l'altro, finora nessuno ha usato lamenta e il caramello salato è comparso proprio poche volte: quindi, oltre alla bravur nella realizzazione, lodi anche all'originalità.
    E' una delle gare in cui ti senti più a tuo agio- e si vede :-)
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era tantissimissimo tempo che volevo dare una rinnovata e finalmente ci sono riuscita: merci! :D
      Eh si, credo che si veda proprio molto che è pane per i miei denti.. e sono contenta che arrivi anche questo "sentirmi a casa mia" :) Grazie! :*

      Elimina
  7. mmm... che delizia!!! davvero una bella idea, creativa e squisita, complimenti!
    bello il tuo blog, l'ho appena scoperto per caso e ho già sbirciato altri post, molto interessanti le tue ricette!
    mi sono aggiunta ai tuoi followers :)
    passa anche da me se ti va!
    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! vado subito a sbirciare il tuo blog! :D

      Elimina
  8. Mi accorgo solo ora, che mi ero persa la tua prima red velvet e me ne scuso :(
    Adesso ho recuperato, ho letto quella e ho letto queste e sai una cosa? non saprei quale scegliere. Mi sembrano una più buona dell'altra, tutte e tre originali e bellissime, oltre che elegantissime. Brava, brava e brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie grazie, soprattutto per avermi dato modo di misurarmi con il gluten free! e tanto per la cronaca: davvero essere nei tuoi panni!! :D

      Elimina

AVVISO SUL COPYRIGHT

"Zeta come.. Zenzero" è pubblicato sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License e non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07/03/2001. I testi e le foto (ove non espressamente specificato) sono proprietà intellettuale di Eleonora Pulcini e protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633,/1941 e successive modifiche, pertanto non ne è consentito l'utilizzo, totale o parziale, su forum o altro, senza l'autorizzazione della sovrascritta, autrice e curatrice del presente blog.