sabato 20 aprile 2013

PLUM & PINON STREUSEL CAKE, DAL TEXAS CON FURORE!

Ci sono giornate che partono in sordina, per poi farti ingranare la quarta!
E' il caso di mercoledì scorso, quando, molto timorosa e ancor più dubbiosa, mi sono seduta davanti al monitor dell'aula informatica della mia facoltà per sostenere per la sesta - si avete letto bene, SESTA - volta l'idoneità di informatica. Domanda dopo domanda, minuto dopo minuto... dopo 54 minuti ho consegnato la prova e il risultato si è palesato di fronte ai miei occhi: PROVA SUPERATA!!! Era un'esame semplice, tuttosommato, ma se siete dei muli come me con la matematica, era uno scoglio grande come i Faraglioni a Capri.
Dopo aver tirato un sospiro di sollievo, e ringraziato il professore (e non nego, anche qualche santo), sono tornata a casa e mi sono messa al lavoro per l'MTC.

Fare una torta dopo certe giornate mi rilassa tantissimo, e questa torta prometteva molto.
E' una torta originaria del texas, dove Ann, la vincitrice dello scorso mese dell'MTC, ha vissuto alcuni anni. Vi dico solo questo: se in Texas si mangia così bene, voglio trasferirmi lì!
 
Plum and pinon streusel cake
 
 
Per lo streusel

45 gr di burro freddo
105 gr di zucchero di canna
70 gr di pinoli tostati
1 cucchiaino di cannella
1 pizzico di sale

Per il crumble

75 gr di farina 00
170 gr di burro a t.a.
150 gr di zucchero semolato
1 pizzico di sale

Per la torta

170 gr di burro a t.a. + quello per imburrare la teglia
325 gr di farina 00
2 cucchiaini di lievito per dolci
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1/2 cucchiaino di sale
250 gr di zucchero
3 uova grandi
338 gr di panna acida
340 gr di prugne
1 cucchiaino di estratto di vaniglia naturale

in più ci occorrerà

zucchero a velo

Per prima cosa occorre preriscaldare il forno a 180° e imburrare e infarinare una tortiera da 26 cm Ø.

Ora passiamo a preparare lo streusel, che è molto simile al crumble, con la differenza che il burro presente nell'impasto deve essere lavorato a freddo e si deve cercare di non scaldarlo; mettiamo tutti gli ingredienti in una terrina, poi con due coltelli si fa un impasto grossolano, che deve risultare molto "bricioloso" (si lavora con le lame dei coltelli proprio per evitare di scaldare il burro) - in alternativa, per chi lo possiede, si può utilizzare il pastry blender (letteralmente, frusta per impasto). Finita la lavorazione poniamo la terrina con lo streusel in frigo.

Successivamente possiamo preparare il crumble. In un'altra terrina mettiamo tutti gli ingredienti e, stavolta con le dita, sbricioliamo, andando ad amalgamare il burro alla farina e allo zucchero fino ad ottenere delle briciole. Io ho lavorato questo impasto nella planetaria, con il gancio K a velocità 4 per un paio di minuti. A fine lavorazione anche il crumble va riposto in frigo fino al momento di essere utilizzato.

E ora tocca alla torta. Setacciamo la farina, il lievito, il bicarbonato e il sale in una terrina.
Nella ciotola della planetaria - ma potete benissimo usare lo sbattitore elettrico - ho inserito il burro a temperatura ambiente e lo zucchero, e con il gancio K ho montato finchè il burro era bianco e spumoso. Battiamo leggermente le uova da parte, abbassiamo la velocità a 3 e le inseriamo in due-tre volte nel composto di burro, lavorando bene dopo ogni aggiunta ed eventualmente staccando dalle pareti l'impasto con una spatola.

A questo punto inseriamo la farina e la panna acida, alternandole e iniziando e finendo con la farina (farina-panna-farina-panna-farina), lasciando amalgamare bene il composto dopo ogni aggiunta.

La versione originale della torta prevede l'uso delle susine, ma visto che siamo fuori stagione e che per pura fortuna ho trovato delle prugne rosse al super, mi sono dovuta accontentare di quelle. Ora si dovrebbero lavare, tagliare a metà, privandole del nocciolo, e inserire nell'impasto; io che ho trovato prugne più grandi, le ho tagliate in pezzi più piccoli e le ho unite al composto con la spatola, aggiungendo infine la cannella.
Non rimane che assemblare la torta nella teglia per la cottura, che è l'unica vera difficoltà di questa torta. Procediamo così: versiamo metà impasto della torta sul fondo della tortiera, versiamo sopra lo streusel, quindi completiamo con la restante metà di impasto della torta e lo spruzziamo con l'estratto di vaniglia.


Inforniamo a forno già caldo (a 180°) per 20 minuti. Trascorsi questi primi 20 minuti di cottura, tiriamo fuori dal forno, aggiungiamo il crumble e inforniamo nuovamente per ulteriori 25-30 minuti, o finchè la superficie è ben dorata.
A quel punto possiamo sfornare, e lasciare freddare completamente su una gratella.
Visto che la torta è molto umida vi consiglio di utilizzare una tortiera a cerchio apribile in modo che non appena sia fredda potete togliere il cerchio e lasciarla freddare sul fondo della tortiera, e poi, solo quando è completamente fredda, trasferirla su un vassoio aiutandovi con una spatola angolata.

Servire spolverando la superficie con dello zucchero a velo.


E' una torta buonissima, soffice, umida e burrosa, con il giusto contrasto acidulo e dolce, che si sposa a meraviglia con quella crosticina croccante del crumble, che da quel tocco in più! Ricorda il sapore della Mantovana e della torta di mele.... è buonissima: dovete provarla!

Potete trovare questo post anche qui, sul blog dell'emmetici.

7 commenti:

  1. Mmmmmh, dev'essere golosissima!!

    RispondiElimina
  2. che delizia! complimenti per la prova superata!!! :-)

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. uff non mi ero accorta che non aveva preso il mio commento!!! dal cellulare faccio un po' fatica! Complimenti per le ricette, ti seguo
      Chiara

      Elimina
    2. no me lo ha messo nell spam! grazie mille e bentrovata! :D

      Elimina

AVVISO SUL COPYRIGHT

"Zeta come.. Zenzero" è pubblicato sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License e non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07/03/2001. I testi e le foto (ove non espressamente specificato) sono proprietà intellettuale di Eleonora Pulcini e protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633,/1941 e successive modifiche, pertanto non ne è consentito l'utilizzo, totale o parziale, su forum o altro, senza l'autorizzazione della sovrascritta, autrice e curatrice del presente blog.