martedì 26 maggio 2015

PENNE ALLE TRE P, PER L'MTCHALLENGE DI MAGGIO

29 giorni senza aggiornare il blog.
Eppure in questo lasso di tempo ho cucinato. Ho anche fatto un paio di dolci a dire la verità.
Il punto è che l'ho fatto in orari desueti... e questo ha sconvolto un po' la routine casalinga.
Il motivo? Semplicissimo.
Ho ricominciato a lavorare. Stavolta lontano dai miei amati bimbi, ma ahimè, bisogna pur riportare la pagnotta a casa e quindi...
 
"Benvenuto in ****** sono Eleonora come posso aiutarla?"

Ebbene si, sono un operatore - o operatrice - inbound di call center, e mi occupo di fornire assistenza tecnica ai clienti di un operatore di telefonia.
A volte i clienti ti ringraziano, altre ti urlano contro. C'è chi pretende che il guasto sia risolto in men che non si dica, altri che provano a fare i furbetti.. ho moooolta pazienza, quindi tutto ciò non mi scompone più di tanto. Li tranquillizzo, cerco di stabilire un qualche rapporto con loro e faccio tutto ciò che è nelle mie possibilità per dare loro assistenza.
 
Siccome lavoro su turni, gli orari casalinghi, come vi dicevo, si sono un po' distorti. Ma ci si adatta.
E' un lavoro che - e non l'avrei detto - mi piace, e mi permette di avere mezzà giornata libera per potermi dedicare a terminare sti benedetti studi, nonché ovviamente a fare tutto ciò di cui c'è bisogno in casa.
 
La cucina è sempre li, che mi guarda, e mi sembra quasi di sentirla lamentarsi che l'ho abbandonata. GIAMMAII!!
 
E di fatti eccomi qui, ad onorare l'impegno mensile con il MTChallenge, che è giunto alla sfida numero 48. Questo mese il terzo giudice è Paola, del blog Fairies' Kitchen, che ha proposto una sfida sul più italiano dei piatti italiani: la pasta al pomodoro, quindi pasta di grano duro e cottura veloce del pomodoro.
 
 
Io propongo un piatto che faccio spesso, assaggiato, eoni or sono, in un agriturismo: le penne alle tre P, pomodoro, pancetta e pinoli - che diventano quattro p se ci aggiungiamo anche il parmigiano.
 
Penne alle tre P
 
 
160g di penne di grano duro
200g di pomodorini piccadilly
100g di pancetta affumicata
una manciata di pinoli
un cucchiaio d'olio evo
sale e pepe q.b.
parmigiano stagionato 24 mesi grattugiato
 
Mettete a bollire l'acqua per la pasta. Nel frattempo in una padella piccola tostate leggermente i pinoli, e quando saranno pronti trasferiteli in una ciotolina o un piatto in modo che si raffreddino un po' - altrimenti tirano fuori tutti gli oli e perderanno aroma.
 
Quando l'acqua sarà bollente, salatela e buttate le penne. Mentre la pasta cuoce, in una padella ampia mettete a rosolare la pancetta con l'olio. Dopo 5 minuti circa, la pancetta sarà ben rosolata, quindi potete aggiungere i pomodorini, lavati e tagliati in quarti. Saltateli per qualche minuto. Regolate di sale e pepe.
Scolate le penne al dente e saltatele insieme al condimento, se necessario aggiungendo un filo di acqua di cottura.
 
Impiattate, quindi spolverate con il parmigiano e aggiungete i pinoli tostati.
Servite accompagnando con un buon vino rosso.

10 commenti:

  1. Bella questa idea delle tre...anzi quattro P. Ottimo suggerimento.
    E tieni duro, anche io mentre studiavo all'università ho lavorato in un grande negozio su turni, alla fine ti abitui anzi scoprirai che non è male avere del tempo libero a disposizione quando gli altri invece sono impegnati. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ilaria! La turnazione non mi pesa, anzi.. e poi mi resta il tempo necessario per cucinare :)

      Elimina
  2. Mannaggia, Eleonora, mi sa che sei arrivata tardi! Ma che c'importa, l'importante è poter leggere questa ricetta così appetitosa per poterla replicare! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello è che sono stata allegramente inconsapevole che la sfida finisse prima.. o meglio, lo sapevo, ma me ne ero dimenticata... e quindi niente.. mi dovrò accontentare del premio per la più rimbambita del mese :) comunque grazie di essere passato! :)

      Elimina
  3. Buoniiii i pinoli ...mi piaceeee!

    RispondiElimina
  4. Quattro P e una G, dove G sta per gusto. Peccato tu sia arrivata tardi, ma meglio tardi che mai. Ci saremmo persi questa bella idea, veloce e gustosa :)

    RispondiElimina
  5. Wow la ricetta sembra deliziosa. Ti volevo chiedere se in mancanza di pomodorini freschi posso utilizzare quelli in scatola tipo questi http://www.lafiammante.it/pomodorini-ciliegini oppure mi cambiano il risultato finale? Fammi sapere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piu che pomodorini in scatola ti consiglierei di utilizzare dei pelati.. ma ora siamo di stagione e le cose fresche, in ogni caso, sono sempre le migliori

      Elimina
    2. Perfetto grazie, lo terrò presente.

      Elimina

AVVISO SUL COPYRIGHT

"Zeta come.. Zenzero" è pubblicato sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License e non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07/03/2001. I testi e le foto (ove non espressamente specificato) sono proprietà intellettuale di Eleonora Pulcini e protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633,/1941 e successive modifiche, pertanto non ne è consentito l'utilizzo, totale o parziale, su forum o altro, senza l'autorizzazione della sovrascritta, autrice e curatrice del presente blog.