lunedì 26 marzo 2012

COCONUT SPONGE CAKE

Non so voi, ma io, da brava fissata di pasticceria, ho stampi e stampini per torte, dolcetti e biscotti, ovunque.
Ne ho nelle ante dalla credenza, dentro il forno, in un'apposita cassettiera comprata per stipare tutti gli stampini e gli attrezzi, soprattutto quelli per la pasta di zucchero, e in questo momento ne ho perfino sopra l'armadio della camera. Prima o poi, finirò lo spazio, e allora sarà TRAGEDIA!

Girovagando su Menù Turistico, mi hanno rimandato, a questo proposito, a un vecchio post, questo, in cui Alessandra stila una lista di tutte le "caccavelle" in suo possesso.  A parte l'essere rimasta basita, da quante se ne possano possere senza scatenare l'ira del proprio compagno/marito/fidanzato, mi sono chiesta a quanto ammonti il mio tesssooro.. e da qui la voglia di censire caccavelle e caccavelline al più presto. Vi farò sapere! :D

 

Ricetta vista venerdì mattina mentre girovagavo su Menù Turistico, e fatta il pomeriggio stesso. Una di quelle ricette che ci fulminano, che non vediamo l'ora di replicare. Nonché di mangiare.

La ricetta originale, di Jamie Olivier, prevede una marmellata con le more, siccome non è ancora stagione, ho spalmato sulla superficie della torta una confettura Rigoni di Asiago, quella alle Fragole e fragoline di bosco, una tra le mie preferite in assoluto.
 
Coconut Sponge Cake
di Jamie Olivier
 
per la torta
 
225 g di burro morbido più un pezzetto per ungere la teglia
225 g di zucchero
4 uova grandi
225 g di farina autolievitante
mezzo cucchiaino scarso di lievito (io non avevo l'autolievitante, quindi ho aggiunto una bustina di lievito per dolci)
un po' di latte
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
75 g di cocco disidratato

per la marmellata di more

250 g di more
125 g di zucchero
1/2 limone

Stampo rettangolare, 30 x 20 (io ho usato uno stampo rotondo, di 26 cm di diametro)
180 gradi

Montare bene il burro con lo zucchero, fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso e aggiungere le uova, uno alla volta, sempre montando. Aggiungere la farina e il lievito, un po' di latte e l'estratto di vaniglia e mescolare bene. Quindi aggiungere il cocco disidratato. Versare il composto in uno stampo imburrato e cuocere a 180 gradi per 25-30 minuti. Mentre la torta è in forno, preparare la marmellata.
Schiacciare le more con lo zucchero, in una casseruola, usando una forchetta o uno schiacciapatate: unire il succo di limone, mettere sul fuoco, portare a bollore. Abbassare la fiamma e far bollire per 20 minuti circa, mescolando ogni tanto, fino a quando la marmellata si addensa. Schiumare via via, durante la cottura, poi togliere dal fuoco e lasciar raffreddare pian piano. 

Nel frattempo, la torta sarà diventata soffice e dorata: toglierla dal forno, lasciarla faffreddare 5-10 minuti. Rovesciarla su un piatto da portata e spalmarvi attorno la marmellata, spatolandola con un coltello a lama piatta anche sui bordi. Cospargervi sopra il cocco e servire.
 


Una delle torte secche più buone mai mangiate, e anche con un'inclinazione vagamente estiva.. il cocco rapé, le fragole.. gnam!
Potrebbe anche essere adatta a fare da base a una torta decorata, con una correzione alla dose della farina, perchè è compatta, ma non adatta ad essere tagliata in due: credo si romperebbe facilmente.

Con questa ricetta partecipo al contest di Rigoni di Asiago "Un dolcissimo piatto esotico", ispirato alla cucina etnica ed esotica, con al loro interno una delle confetture RdA.


Avete tempo fino al 30 aprile, non lasciatevelo sfuggire :-)

6 commenti:

  1. te lo dico io, come si fa a non far arrabbiare i mariti. Primo: imboscare tutti gli acquisti, nei posti più impensati Secondo: fare un elenco dei posti più impensati, con relativi attrezzi imboscati. terzo: alla bisogna, sostituire la teglia nuova con una vecchia, che va a finnire nel posto imboscato. Quarto: sperare di non far trasloco, per qualche anno :-)))
    Felicissima che ti sia piaciuta, ma, si sa: Jamie Oliver è sempre una garanzia!
    ciao

    RispondiElimina
  2. @Alessandra: mi inchino con deferenza alla tua saggezza in fatto di imboscamento di caccavelle! :D

    RispondiElimina
  3. Da provare!!!! Passa a trovarmi ho un regalino per te!

    RispondiElimina
  4. @I dolci di Anto: provala! grazie :*

    RispondiElimina
  5. Io gli ultimi stampi in silicone che ho comprato li ho nascosti nella cabina armadio, se mio marito li vede mi strangola!!! :-)

    RispondiElimina
  6. @ cucinacreativa: non ho marito, ma il mio fidanzato sa giá che prendendo me si prenderá anche tutte le mie caccavelle..devo però dire che finchè servono per riempire anche la sua pancia, fila tutto liscio! :-P

    RispondiElimina

AVVISO SUL COPYRIGHT

"Zeta come.. Zenzero" è pubblicato sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License e non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07/03/2001. I testi e le foto (ove non espressamente specificato) sono proprietà intellettuale di Eleonora Pulcini e protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633,/1941 e successive modifiche, pertanto non ne è consentito l'utilizzo, totale o parziale, su forum o altro, senza l'autorizzazione della sovrascritta, autrice e curatrice del presente blog.