venerdì 6 febbraio 2015

MANI IN PASTA! PANINI SOFFICI PER HAMBURGER CON PASTA MADRE

A volte sono come una bambina, vedo una cosa - o penso a una cosa - da mangiare e vorrei vederla materializzarsi nel piatto davanti a me. Sarebbe bello, ma lo vedo un po' difficile. Per fortuna le mie risorse in cucina non finiscono mai e così quando si ha voglia di hamburger, tipo quelli della famosa catena di fast-food, ci si "ingegna" per gustarli senza varcare la soglia di casa.
Infilare scarpe e cappotto e andare li a mangiarli, infatti, non è un opzione contemplata, perché a casa non siamo amanti di cucina da fast-food.
Ci piacciono le patatine fritte, è vero, ma quelle fatte con le patate dell'orto, che definire buone è oltremodo riduttivo, fritte in olio buono e - talvolta - senza sale, perché sono già perfette così.
Ci piace la carne. Ebbene si, amici vegetariani/vegani. Ahimè, siamo carnivori... non la mangiamo spesso, ma non disdegniamo assolutamente una buona carne alla brace o uno stufato, tantomeno un buon arrosto al forno.
Ci piace il pane - a me soprattutto, purtroppo - specie quello fatto in casa, se poi è anche con il lievito madre, ancora meglio.

Quindi quando abbiamo voglia di hamburgers che si fa? Ma è ovvio!
Ci si attrezza e si preparano questi meravigliosi panini. Soffici, dal profumo inebriante, buonissimi sia per il salato che per il dolce, ideali da preparare per i buffet. E con l'occasione, visto che oggi è il primo venerdì del mese, riprendiamo anche la rubrica MANI IN PASTA!

 
E il merito, comunque, è tutto di Alessandra, che li ha postati qualche tempo fa sul suo blog. Io non ho fatto altro che modificare le dosi per utilizzare il lievito madre nella ricetta. Vi riporto la sua ricetta, quella originale con il lievito di birra fresco, e sotto la ricetta modificata per l'utilizzo del lievito madre solido.
 
 
Panini soffici per hamburger con lievito madre
ricetta dal sito mammapapera.it
 
 
 
285 gr di farina manitoba
200 gr di farina oo
240g di acqua
10g di lievito di birra fresco
1 uovo
55g di zucchero
7g di sale
30g di burro morbido a pezzetti
semi di sesamo
latte

io ho utilizzato il lievito madre solido (al 50% di idratazione), e la ricetta ne risulta così modificata:

160g di pasta madre solida rinfrescata da 3-4 ore
378g di farina (di cui 200g manitoba e 178g 00)
187g di acqua
1 uovo
55g di zucchero
7g di sale
30g di burro morbido a pezzetti
in più si serviranno
semi di sesamo
latte q.b.
 
Inserire le farine, il sale e lo zucchero nella planetaria.
Sciogliere il lievito nell’acqua appena appena tiepida (non calda mi raccomando per evitare di bruciare il lievito), azionare la planetaria al minimo e aggiungere l’acqua e l’uovo, portate la velocità a 1 e appena tutti gli ingredienti saranno amalgamati bene, aggiungere il burro a piccoli pezzetti, uno alla volta, inserendo il successivo solo quando il precedente si sarà ben assorbito all’impasto.
Appena avete inserito tutto il burro portate la velocità a 1.5-2 e fate incordare, cioè lavorate fino a che l’impasto si sarà arrotolato alla frusta a uncino del tutto e si sarà staccata dalle pareti della ciotola. Ci vorranno circa 20 minuti.
 
 
A fine lavorazione otterrete un impasto molto morbido e poco appiccicoso. Se procedete con l'impasto a mano, fate una fontana sul piano di lavoro con farina, sale e zucchero, quindi l'ordine di inserimento degli ingredienti resta invariato.
 
Formate una palla, e rimettere nella ciotola della planetaria leggermente infarinata, coperta con pellicola a lievitare nel forno spento fino al raddoppio, i tempi variano a seconda delle temperature e dalle condizioni climatiche.
A lievitazione avvenuta, riprendete l’impasto e sgonfiatelo delicatamente con i palmi della mano, allargatelo e ricavate dei pezzetti di pasta da 100 gr l’uno (otterrete circa 10 panini). Formate delle palline, pirlatele e appoggiatele su una teglia con carta forno.
Coprite con un canovaccio e fate raddoppiare ancora. Quindi accendete il forno a 190°.
 
 
Prima di infornare spennellate con del latte tiepido e ricoprite con i semi di sesamo.
Infornate per una decina di minuti circa, regolatevi con il vostro forno ma appena vedrete la colorazione tipica, sfornate e mettete su una gratella a raffreddare.
 
 
Sono strepitosi ancora tiepidi, ma si conservano ben chiusi in un sacchetto per alimenti fino a tre giorni, perdendo solo un po' di morbidezza.
E con questa ricetta, oltre che dire "Grazie" ad Alessandra per questa ricetta, colgo anche l'occasione per mandarle un forte abbraccio. Lei sa perché. :)

5 commenti:

  1. Complimenti sei davvero brava!!!!

    RispondiElimina
  2. Che splendore complimenti!
    Ascolta vorrei fare questa ricetta per un mio nipotino che esce letteralmete pazzo per questi tipi di panini ma purtroppo essedo intollerante alle uova ed ai latticini non posso usara questi ingredienti...
    Secondo te con che cosa si può sostituire vuova e burro ma avendo lo stesso risultato?

    Grazie ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'uovo lo puoi omettere. Il burro invece lo sostituirei o con della margarina o con del burro senza lattosio :-)

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. 10 panini..scusami ho letto adesso!grazie lo stesso

    RispondiElimina

AVVISO SUL COPYRIGHT

"Zeta come.. Zenzero" è pubblicato sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License e non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07/03/2001. I testi e le foto (ove non espressamente specificato) sono proprietà intellettuale di Eleonora Pulcini e protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633,/1941 e successive modifiche, pertanto non ne è consentito l'utilizzo, totale o parziale, su forum o altro, senza l'autorizzazione della sovrascritta, autrice e curatrice del presente blog.