mercoledì 9 dicembre 2009

LA COPETA!

Questo dolce, tipicissimo della mia zona, originario del reatino, e delle zone tra il lazio e l'abruzzo, è il dolce di natale della mia infanzia diciamo.. è quello che tra tutti, mi sa proprio di natalizio!

La ricetta è semplicissima..Noci e miele nella stessa quantità e foglie di alloro.



Allora, pesiamo la stessa quantità di noci e miele, che ne so mezzo chilo di noci e mezzo chilo di miele. Io ho fatto 250 gr di noci e 250 gr di miele (con questa dose mi sono venute 30 copete).
Ho ovviamente privato le noci del guscio, tritando i gherigli con il mortaio - ma in assenza di mortaio, si può utilizzare il frullatore o il robot, senza però tritare troppo.
Ho pesato il miele direttamente in un pentolino, e l''ho sciolto a fuoco lento, fino a farlo bello liquido e filante. Ho tuffato a questo punto le noci nel miele, e sempre a fuoco lento, ho continuato a girare nel pentolino, fino a che il composto risulta ben omogeneo, sfrigolante e compatto.

Ho spento il fuoco, e ho preparato il piano di lavoro. Ho preso due fogli di carta forno, bagnati e strizzati. Ne ho steso uno sulla spianatoia e ci ho versato il composto.. l'ho inizialmente steso col dorso del cucchiaio, fino a formare un rettangolo; poi ho sovrapposto l'altro foglio e ho passato il matterello sopra, ottenendo uno spessore di circa 3-4 millimetri. Lasciar freddare completamente.

Nel frattempo preparare le foglie d'alloro. Io le ho colte direttamente dalla pianta che ho in balcone. Le ho sciacquate una ad una sotto acqua corrente fredda e asciugate tamponando piano con un canovaccio pulito. Una volta ben freddo ricavare con un coltello a lama liscia tanti rombi.

Adagiare ogni rombo su una foglia di alloro e sovrapporre un altra foglia d'alloro. Conservate le copete in una biscottiera.. Mangiatele il giorno dopo, avranno preso l'aroma dell'alloro e saranno più saporite.

8 commenti:

  1. Ciao Eleonora!
    Stavo proprio cercando la ricetta della Copeta, perché anche io sono di Rieti ma vivo fuori ormai da anni. Ho trovato delle ricette che usano gli albumi e vorrei sapere se hai provato questa versione per capire cosa apporta l'albume all'impasto.
    buon Natale!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao! Allora, per me e la mia famiglia la copeta è sempre stata questa e non sapevo nemmeno dell'esistenza di questa versione con l'albume. Può darsi, visto che la provincia di Rieti è molto estesa, che questa seconda versione sia propria di qualche paese. Ma l'albume aggiunto è cotto o crudo?

    RispondiElimina
  3. Perché fate freddare completamente le noci con il Miele?
    Non è meglio mettere l'impasto ancora caldo su la foglia ,così prende veramente l'aroma ?
    Ricordo una signora di Sora che faceva così ,infatt i per mangiarli dovevi togliere le foglie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se si vuole dare la classica forma a losanga si deve aspettare che il composto raffreddi per poterlo tagliare. La foglia va tolta in ogni caso prima di mangiare il dolce.

      Elimina
  4. Quanto tempo, più o meno, bisogna scaldare il miele prima, ma soprattutto dopo con le noci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il miele va scaldato finchè risulta essere ben fluido, non so indicarti il tempo preciso purtroppo. A quel punto vanno aggiunte le noci tritate e bisogna proseguire con la cottura per qualche minuto. Ti renderai conto che cambierà consistenza, quasi come se le noci assorbissero il miele. Quando le noci e il miele saranno bene omogenei, ci vorranno non più di 5 minuti, si prosegue con la lavorazione fuori dal fuoco.

      Elimina
  5. Stando alla tradizione tramandata dai vecchi dell'alto Lazio (Reatino) la quantità di miele è pari al peso della frutta secca se si impiegano le nocciole, ma si riduce al 80% in peso se si usano le noci (più oleose). Il punto di cottura del miele si impara con l'esperienza ed influisce sul risultato finale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per le preziose informazioni! Ne farò tesoro per la prossima volta in cui preparerò la copeta 😊

      Elimina

AVVISO SUL COPYRIGHT

"Zeta come.. Zenzero" è pubblicato sotto una Creative Commons Attribution-NonCommercial 3.0 Unported License e non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07/03/2001. I testi e le foto (ove non espressamente specificato) sono proprietà intellettuale di Eleonora Pulcini e protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633,/1941 e successive modifiche, pertanto non ne è consentito l'utilizzo, totale o parziale, su forum o altro, senza l'autorizzazione della sovrascritta, autrice e curatrice del presente blog.